Dello stesso autore

Novarmonia nasce da una riflessione quotidiana sulla vita, una sorta di diario intimo delle mie letture e delle mie riflessioni.  Brani scelti, film, musiche si susseguono dando vita a un discorso profondo sul senso delle cose. Si contrappone agli altri miei diari, quello rosa e quello dedicato alla moda e alla casa. Personali sguardi sul mondo.

Per leggere piacevolmente l’articolo cliccate con il mouse sul titolo prescelto, la pagina si aprirà completamente.

Dopo la morte

“Dopo la morte, dicono alcuni qabbalisti, la psiche dovrà risalire per dove era discesa. L’anima si inoltrerà di sfera in sfera, e in ogni sfera dovrà accorgersi di quali qualità immense avrebbe potuto manifestare durante la vita sue fosse riuscita a ricordarsene. Alcune anime invece possono tentare quella risalita già durante la vita, con la meditazione, la mistica, la rivelazione e riscoprendo il loro tragitto prenatale attueranno un’eccezionale autoanalisi delle loro aree superconsce o come dicevano gli antichi, della loro natura spirituale -precedente alla loro nascita fisica:”

tratto da: “Il mondo dei desideri”, Igor Sibaldi. ed. TLON, 2016

 

Ildegarda

Tu sei il centro della ruota e irradi tutte le direzioni esistenti, nelle spazio e nel tempo.

…” -A un certo punto finiscono, proprio come i raggi di una ruota: Al centro della ruota ci sei tu, e il cerchio della ruota è la porzione di spazio, o la porzione di tempo, in cui senti di essere. Più o meno così come senti di essere un io.-
E quel cerchio è il confine del mio io?
-Esattamente-
E intorno cosa c’è?
-C’è quello che c’è dentro, appena fuori da quel confine tutte le direzioni finiscono, e non ci sono più spazio e tempo di nessun genere: dunque non ci sono più neanche il fuori e il dentro, il prima e il poi. Capisci questo?-
No
Allora immaginalo. Immagina un orizzonte in cui non ci sia più né lo spazio, né  il tempo e nessuna direzione.
Bè, è difficile.
-No, è lo sfondo dei ogni vostro pensiero e immaginazione o desiderio. Immagina il cielo e le nuvole: sei in mezzo le nuvole e non c’è più niente intorno che ti dica dove sei e dov’è l’alto e il basso. Da cosa puoi sapere dov’è l’alto e il basso, e la destra e la sinistra?-
Da me stesso.
E la stessa cosa succede nell’universo. Tu sei il centro della ruota e irradi tutte le direzioni esistenti, nelle spazio e nel tempo. E se scendi dal cielo sulla Terra, hai a che fare con le direzioni irradiate da tutte le persone che abitano lì. Se invece sali, quanto più sali, tanto più senti di essere tu a irradiare le tue direzioni. E’ così difficile da capire?-
In questo modo no, ma…
-E’ la stessa cosa che succede quando guardate ai vostri desideri. Quando siete immersi nel vostro Aldiqua, avete a che fare con i desideri degli altri, e li confondete con i vostri. Invece, quanto più salite dentro di voi tanto più riuscite a vedere i desideri vostri.-
E i desideri sono come le direzioni?
-No sono quello che vedete in tutte le direzioni che irradiate intorno a voi. Sono il modo migliore per accorgervi delle direzioni del tempo.-
Cioè, in che senso? domando dopo averci riflettuto per qualche istante.
– Nell’unico senso possibile. Ogni volta che guardate ai vostri desideri, li vedete arrivare da tutte le direzioni del tempo: dal passato, dal futuro, e da tutte le altre direzioni per le quali voi non avete nomi. E’ quello il tempo vero, lì dove vedete i vostri desideri. –
E’ un tempo soltanto interiore.
– No perché? Il tempo è uno solo, dentro e fuori. Tutta la realtà è una sola, dentro e fuori è sempre la stessa.-
Ma i desideri sono cose che non esistono ancora nella realtà, non sarebbero desideri altrimenti…
-No no no, così sei molto lontano da com’è davvero. E’ il contrario. Voi li potete desiderare perché esistono: se non esistessero non li potreste desiderare. Desiderio è il nome che date al momento in cui li vedete arrivare verso di voi. –
Nell’Aldilà?
-Nell’Aldilà soltanto perché il vostro Aldiqua si è isolato nella stramba idea che avete voi del tempo.- Il ragazzo non sa che cosa sono i desideri.- dice l’Austero. ”

tratto da: “I Maestri Invisibili. Come incontrare gli spiriti guida.”, di Igor Sibaldi. Oscar Mondadori. 1997

Liber divinorum operum

Liber divinorum operum (“Libro delle opere divine”)  Ildegarda di Bingen Lucca biblioteca Statale (in mostra a Padova alla Fondazione Cassa di Risparmio Padova e Rovigo. “L’occhio in gioco. Percezione, impressioni e illusioni dell’arte” fino al 26 febbraio 2023.

Il Capricorno

Il 21 dicembre il sole entra nella costellazione del Capricorno e segna il solstizio d’inverno. Cadeva in questi giorni il Natalis Solis Invicti degli adoratori di Mitra prima dell’avvento di Cristo. L’immagine mitologica è quella di una capra-unicorno simbolo della spinta ascensionale. La parte terminale del corpo racchiusa in una coda di pesce, evoca l’acqua e il senso profondo della trasformazione che passa dall’interiorità. Segno di terra governato da Saturno, si arrampica in salita tenacemente portando a termine una reale nascita spirituale iniziata con l’Ariete e giunta qui dopo nove mesi a compimento. Capro espiatorio, simbolo di un dio che nasce nel cuore dell’inverno e sarà sacrificato per il bene del mondo. Proficuo ora il tempo di coltivare le energie di introspezione e perseveranza nello scopo che la nostra anima ha scelto. Il rigore e la tenacia in questa ascesa ci porteranno all’intuizione del divino, per arrivare a giungere alla sua presenza.

Ricordi

Almeno fino a domattina ti prometto cheSarò la faccia di cui hai più bisognoL’amico di scuola che ti ruba le biglieO l’amante impossibile taciuto in un sogno“Meglio bruciare che spegnersi lentamente”L’ha detto chi non deve illuminare gli altriMa io ho paura sempre di rimanere al buioMentire alla tua mente mentre provo a salvartiMeglio non dire niente aspettando il mattino, sorridoSe penso al nome che tu mi darai domaniPer reinsegnarti ancora il segno della croceCosì avrò ancora una scusa per toccare quelle mani
Vedi, ci sono dei ricordi che mi deviSei grande, ma ti chiamo ancora babyHo gli occhi rossi, ma non te ne accorgiTi guardo mentre dormiMa solo ieri c’eri, nei giorni neriQuelli che piove troppo forte per stare in piediE fottevamo anche la morte volando leggeriM’hai chiesto, “Dimmi cosa temi, che cosa credi?”La mia risposta sei tu
Ti stupirà, ma no, non sono più geloso del passatoIn cui non c’ero, anzi mi manca di piùPerché seguivo la topografia del io da soloL’astronomia del noi due me l’hai insegnata tu, cheOra ti mangi da dentro, piccolo pianeta spentoCome una briciola al vento, è un buco nero e un occhio blu, eSono poco più di un jamais vu tra tutte queste personeNella mia testa io gioco a Taboo, perdo se dico il tuo nome
Vedi, ci sono dei ricordi che mi deviSei grande, ma ti chiamo ancora babyHo gli occhi rossi, ma non te ne accorgiTi guardo mentre dormiMa solo ieri c’eri, nei giorni neriQuelli che piove troppo forte per stare in piediE fottevamo anche la morte volando leggeriM’hai chiesto, “Dimmi cosa temi, che cosa credi?”La mia risposta sei tu
Uh-uh uh-uh
Sbadiglio e prendo la boccetta di AducanumabE penso che pure ‘sta notte presto finiràIo ti terrò la mano e tu tienimi l’animaE pure se non sai chi sono, non lasciarla mai
Vedi, ci sono dei ricordi che mi deviSei grande, ma ti chiamo ancora babyHo gli occhi rossi, ma non te ne accorgiTi guardo mentre dormiMa solo ieri c’eri, nei giorni neriQuelli che piove troppo forte per stare in piediE fottevamo anche la morte volando leggeriM’hai chiesto, “Dimmi cosa temi, che cosa credi?”La mia risposta sei tu
Uh-uh uh-uhLa mia risposta sei tuUh-uh uh-uhLa mia risposta sei tu
testo di :Enrico Brun / Giorgio Pesente / Riccardo Zanotti

L’astronomia del noi due me l’hai insegnata tu

Hewhà 

” Il nome Hewhà appare come un grado inferiore del nome divino e del suo potere, come un’emanazione materna di Dio, è colei che, invisibile, trasmette e trasforma, con fatica lo spirito vitale, da un grado dell’essere a un altro grado dell’essere, da una forma all’altra, da una realtà all’altra, facendolo nascere sempre di nuovo -quello stesso spirito che nel nome divino si trasmette infinitamente da se stesso a se stesso, he della he, Spirito dello Spirito, Vita della Vita, chiuso in sé. Aishà-Hewhà è colei che fa nascere l’uomo sulla terra, e l’uomo nell’uomo, e la conoscenza nell’uomo. Ed è sia nell’uomo sia in Dio, è ciò che continua a congiungere l’uomo a Dio, anche he dopo la discesa sulla terra.”

tratto da: “I maestri invisibili”, Igor Sibaldi, Oscar Bestsellers misteri.2021

Cento anni fa un’idea rivoluzionaria di maestro

Gentile riflette a lungo sulla funzione pedagogica e unisce la pedagogia con la filosofia, avviando una rifondazione in senso idealistico della prima, negandone i nessi con la psicologia e con l’etica. L’educazione dev’essere intesa come un attuarsi, uno svolgersi dello spirito stesso che realizza così la propria autonomia. L’insegnamento è spirito in atto, di cui non si possono fissare le fasi o prescrivere il metodo: «il metodo è il maestro», il quale non deve attenersi ad alcuna didattica programmata ma affrontare questo compito sulla scorta delle proprie risorse interiori. Programmare la didattica sarebbe come cristallizzare il fuoco creatore e diveniente dello spirito che è alla base dell’educazione. Al maestro è richiesta una vasta cultura e null’altro, il metodo verrà da sé, perché il metodo risiede nella Cultura stessa che si forma continuamente da sé nel suo processo infinito di creazione e ri-creazione. Il dualismo scolaro-maestro deve risolversi in unità attraverso la comune partecipazione alla vita dello spirito che tramite la cultura muove l’educatore verso l’educando e lo riassorbe nell’universalità dell’atto spirituale. «Il maestro è il sacerdote, l’interprete, il ministro dell’essere divino, dello spirito». Il maestro incarna lo spirito stesso, l’allievo deve allora entrare in sintonia nell’ascolto col maestro, proprio per partecipare anche lui dell’attuarsi dello spirito, per farsi libero ed autonomo, e in questa relazione arriva ad auto-educarsi, facendo del tutto propri i grandi contenuti presentati.

Questi concetti ispirano la riforma scolastica del 1923, attuata da Gentile in veste di ministro della pubblica istruzione, anche se solo una parte furono applicati secondo i suoi desideri.

Tratto da Wikipedia

Parole profetiche

– Ma qui appunto sta l’essenza di ciò che il vecchio deve esprimere. “Lo spirito intelligente e terribile, lo spirito dell’autodistruzione e del non essere, – continua il vecchio, – il grande spirito. Ti parlò nel deserto, e nei libri ci è riferito come egli Ti avesse “tentato”. Non è così? Ma si poteva mai dire qualcosa di più vero di quanto egli Ti rivelò nelle tre domande che Tu respingesti e che nei libri sono dette “tentazioni”? Tuttavia, se mai ci fu sulla terra un vero e clamoroso miracolo, fu in quel giorno, nel giorno di quelle tre tentazioni. Precisamente nella formulazione di quelle tre domande era racchiuso il miracolo. Se si potesse, soltanto a mo’ di esempio e di ipotesi, immaginare che quelle tre domande dello spirito terribile fossero scomparse dai libri senza lasciare traccia e che occorresse ricostruirle, pensarle e formularle di nuovo, per rimetterle nei libri, e se per questo si riunissero tutti i sapienti della terra – governanti, prelati, dotti, filosofi, poeti, – e si assegnasse loro questo compito: immaginate, formulate tre domande tali da corrispondere all’importanza dell’evento non solo, ma da esprimere per giunta in tre parole, in tre proposizioni umane, tutta la futura storia del mondo e dell’umanità, – ebbene, credi Tu che tutta la sapienza della terra, insieme raccolta, potrebbe concepire qualcosa di simile per forza e profondità a quelle tre domande che Ti furono allora rivolte nel deserto dallo spirito intelligente e possente? Già solo da quelle domande e dal prodigio della loro formulazione si può capire che si ha da fare non con lo spirito umano transitorio, ma con quello eterno ed assoluto. In quelle tre domande infatti è come compendiata e predetta tutta la storia ulteriore dell’umanità, sono dati i tre archetipi in cui si concreteranno tutte le insolubili, contraddizioni storiche dell’umana natura su tutta la terra. Questo non poteva ancora, a quel tempo, essere così chiaro, poiché l’avvenire era ignoto, ma adesso, passati quindici secoli, noi vediamo che in quelle tre domande tutto era stato a tal segno divinato e predetto e che tutto si è a tal segno avverato, che non è più possibile aggiungervi o toglierne alcunché.

“Decidi Tu stesso chi avesse ragione, se Tu o colui che allora T’interrogava. Ricordati la prima domanda: se non la lettera il senso era questo: “Tu vuoi andare e vai al mondo con le mani vuote, con non so quale promessa di una libertà che gli uomini, nella semplicità e nella innata intemperanza loro, non possono neppur concepire, che essi temono e fuggono, giacché nulla mai è stato per l’uomo e per la società umana più intollerabile della libertà! Vedi Tu invece queste pietre in questo nudo e infocato deserto? Mutale in pani e l’umanità sorgerà dietro a Te come un riconoscente e docile gregge, con l’eterna paura di vederti ritirare la Tua mano, e di rimanere senza i Tuoi pani”. Ma Tu non volesti privar l’uomo della libertà e respingesti l’invito, perché, cosí ragionasti, che libertà può mai esserci, se la ubbidienza è comprata coi pani?
Tu obiettasti che l’uomo non vive di solo pane, ma sai Tu che nel nome di questo stesso pane terreno, insorgerà contro di Te lo spirito della terra e lotterà con Te e Ti vincerà, e tutti lo seguiranno, esclamando: “Chi è comparabile, a questa bestia? Essa ci ha dato il fuoco del cielo!”. Sai Tu che passeranno i secoli e l’umanità proclamerà per bocca della sua sapienza e della sua scienza che non esiste il delitto, e quindi nemmeno il peccato, ma che ci sono soltanto degli affamati? “Nutrili e poi chiedi loro la virtù!”, ecco quello che scriveranno sulla bandiera che si leverà contro di Te e che abbatterà il Tuo tempio. Al posto del Tuo tempio sorgerà un nuovo edificio, sorgerà una nuova spaventosa torre di Babele, e, quand’anche essa restasse, come la prima, incompiuta, Tu avresti però potuto evitare questa nuova torre e abbreviare di mille anni le sofferenze degli uomini, giacché essi verranno a noi, dopo essersi arrovellati per mille anni intorno alla loro torre! Essi torneranno allora a cercarci sotto terra, nelle catacombe, dove ci nasconderemo (perché saremo di nuovi perseguitati e torturati), ci troveranno e ci grideranno: “Nutriteci, perché quelli che ci avevano promesso il fuoco del cielo non ce l’han dato”. E allora saremo noi a ultimare la loro torre, giacché la ultimerà chi li sfamerà e noi soli li sfameremo, in nome Tuo, facendo credere di farlo in nome Tuo. Oh, mai, mai essi potrebbero sfamarsi senza di noi! Nessuna scienza darà loro il pane, finché rimarranno liberi, ma essi finiranno per deporre la loro libertà ai nostri piedi e per dirci: “Riduceteci piuttosto in schiavitù ma sfamateci!”. Comprenderanno infine essi stessi che libertà e pane terreno a discrezione per tutti sono fra loro inconciliabili, giacché mai, mai essi sapranno ripartirlo fra loro! Si convinceranno pure che non potranno mai nemmeno esser liberi, perché sono deboli, viziosi, inetti e ribelli. Tu promettevi loro il pane celeste, ma, lo ripeto ancora, può esso, agli occhi della debole razza umana, eternamente viziosa ed eternamente abietta, paragonarsi a quello terreno? E se migliaia e diecine di migliaia di esseri Ti seguiranno in nome del pane celeste, che sarà dei milioni e dei miliardi di esseri che non avranno la forza di posporre il pane terreno a quello celeste? O forse Ti sono care soltanto le diecine di migliaia di uomini grandi e forti, mentre i restanti milioni, numerosi come la sabbia del mare, di esseri deboli, che però Ti amano, non devono servire che da materiale per i grandi e per i forti? No, a noi sono cari anche i deboli. Essi sono viziosi e ribelli, ma finiranno per diventar docili. Essi ci ammireranno e ci terranno in conto di dei per avere acconsentito, mettendoci alla loro testa, ad assumerci il carico di quella libertà che li aveva sbigottiti e a dominare su loro, tanta paura avranno infine di esser liberi! Ma noi diremo che obbediamo a Te e che dominiamo in nome Tuo. Li inganneremo di nuovo, perché allora non Ti lasceremo più avvicinare a noi. E in quest’inganno starà la nostra sofferenza, poiché saremo costretti a mentire. Ecco ciò che significa quella domanda che Ti fu fatta nel deserto, ed ecco ciò che Tu ricusasti in nome della libertà, da Te collocata più in alto di tutto.
In quella domanda tuttavia si racchiudeva un grande segreto di questo mondo. Acconsentendo al miracolo dei pani, Tu avresti dato una risposta all’universale ed eterna ansia umana, dell’uomo singolo come dell’intera umanità: “Davanti a chi inchinarsi?”. Non c’è per l’uomo rimasto libero più assidua e più tormentosa cura di quella di cercare un essere dinanzi a cui inchinarsi. Ma l’uomo cerca di inchinarsi a ciò che già è incontestabile, tanto incontestabile, che tutti gli uomini ad un tempo siano disposti a venerarlo universalmente. Perché la preoccupazione di queste misere creature non è soltanto di trovare un essere a cui questo o quell’uomo si inchini, ma di trovarne uno tale che tutti credano in lui e lo adorino, e precisamente tutti insieme. E questo bisogno di comunione nell’adorazione è anche il più grande tormento di ogni singolo, come dell’intera umanità, fin dal principio dei secoli. È per ottenere quest’adorazione universale che si sono con la spada sterminati a vicenda. Essi hanno creato degli dei e si sono sfidati l’un l’altro: “Abbandonate i vostri dei e venite ad adorare i nostri, se no guai a voi e ai vostri dei!”. E così sarà fino alla fine del mondo, anche quando gli dei saranno scomparsi dalla terra: non importa, cadranno allora in ginocchio davanti agli idoli.

Tu conoscevi, Tu non potevi non conoscere questo fondamentale segreto della natura umana, ma Tu rifiutasti l’unica irrefragabile bandiera che Ti si offrisse per indurre tutti a inchinarsi senza discussione dinanzi a Te; la bandiera del pane terreno, e la rifiutasti in nome della libertà e del pane celeste. Guarda poi quel che hai fatto in seguito. E sempre in nome della libertà! Io Ti dico che non c’è per l’uomo pensiero più angoscioso che quello di trovare al piú presto a chi rimettere il dono della libertà con cui nasce questa infelice creatura. Ma dispone della libertà degli uomini solo chi ne acqueta la coscienza. Col pane Ti si dava una bandiera indiscutibile: l’uomo si inchina a chi gli dà il pane, giacché nulla è più indiscutibile del pane; ma, se qualcun altro accanto a Te si impadronirà nello stesso tempo della sua coscienza, oh, allora egli butterà via anche il Tuo pane e seguirà colui che avrà lusingato la sua coscienza. In questo Tu avevi ragione. Il segreto dell’esistenza umana infatti non sta soltanto nel vivere, ma in ciò per cui si vive. Senza un concetto sicuro del fine per cui deve vivere, l’uomo non acconsentirà a vivere e si sopprimerà piuttosto che restare sulla terra, anche se intorno a lui non ci fossero che pani. Questo è giusto, ma che cosa è avvenuto? Invece di impadronirti della libertà degli uomini. Tu l’hai ancora accresciuta! Avevi forse dimenticato che la tranquillità e perfino la morte è all’uomo più cara della libera scelta fra il bene ed il male? Nulla è per l’uomo più seducente che la libertà della sua coscienza, ma nulla anche è più tormentoso. Ed ecco che, in luogo di saldi principi, per acquetare la coscienza umana una volta per sempre, Tu hai scelto tutto quello che c’è di più inconsueto, enigmatico e impreciso, hai scelto tutto quello che superava le forze degli uomini, e hai perciò agito come se Tu non li amassi per nulla, e chi mai ha fatto questo? Colui che era venuto a dare per essi la Sua vita! Invece d’impadronirti della libertà umana, Tu l’hai moltiplicata e hai per sempre gravato col peso dei suoi tormenti la vita morale dell’uomo. Tu volesti il libero amore dell’uomo, perché Ti seguisse liberamente, attratto e conquistato da Te. In luogo di seguire la salda legge antica, l’uomo doveva per l’avvenire decidere da sé liberamente, che cosa fosse bene che cosa fosse male, avendo dinanzi come guida la sola Tua immagine; ma non avevi Tu pensato che, se lo si fosse oppresso con un così terribile fardello come la libertà di scelta, egli avrebbe finito per respingere e contestare perfino la Tua immagine e la Tua verità? Essi esclameranno, alla fine, che la verità non è in Te, perché era impossibile abbandonarli fra ansie ed angosce maggiori di come Tu facesti, lasciando loro tante inquietudini e tanti insolubili problemi. In tal modo preparasti Tu stesso la rovina del Tuo regno, e non darne più la colpa a nessuno. Ma è questo intanto che Ti offriva? Ci sono sulla terra tre forze, tre sole forze capaci di vincere e conquistare per sempre la coscienza di questi deboli ribelli, per la felicità loro; queste forze sono: il miracolo, il mistero e l’autorità. Tu respingesti la prima, la seconda e la terza e desti così l’esempio. Lo spirito sapiente e terribile. Ti aveva posto sul culmine del tempio e Ti aveva detto: “Se vuoi sapere se Tu sei Figlio di Dio, gettati in basso, poiché di Lui è detto che gli angeli Lo sosterranno e Lo porteranno, ed Egli non cadrà e non si farà alcun male, e saprai allora se Tu sei il Figlio di Dio e proverai allora quale sia la Tua fede nel Padre Tuo”; ma Tu, udito ciò, respingesti l’offerta, non Ti lasciasti convincere e non Ti gettasti giú. Oh, certo, Tu agisti allora con una magnifica fierezza, come Iddio, ma gli uomini, questa debole razza di ribelli, sono essi forse dei? Oh, Tu comprendesti allora che, facendo un solo passo, un solo movimento per gettarti giù, avresti senz’altro tentato il Signore e perduto ogni fede in Lui, e Ti saresti sfracellato sulla terra che eri venuto a salvare, e si sarebbe rallegrato lo spirito sagace che Ti aveva tentato. Ma, ripeto, ce ne sono forse molti come Te? E in verità potevi Tu ammettere, non fosse che per un momento, che anche gli uomini avessero la forza di resistere a una simile tentazione? È forse fatta la natura umana per respingere il miracolo e, in così terribili momenti della vita, di fronte ai più terribili, fondamentali e angosciosi problemi dell’anima, rimettersi unicamente alla libera decisione del cuore? Oh, Tu sapevi che la Tua azione si sarebbe tramandata nei libri, avrebbe raggiunto la profondità dei tempi e gli ultimi confini della terra, e sperasti che, seguendo Te, anche l’uomo si sarebbe accontentato di Dio, senza bisogno di miracoli. Ma Tu non sapevi che, non appena l’uomo avesse ripudiato il miracolo, avrebbe subito ripudiato anche Dio, perché l’uomo cerca non tanto Dio quanto i miracoli. E siccome l’uomo non ha la forza di rinunziare al miracolo, così si creerà dei nuovi miracoli, suoi propri, e si inchinerà al prodigio di un mago, ai sortilegi di una fattucchiera, fosse egli anche cento volte ribelle, eretico ed ateo. Tu non scendesti dalla croce quando Ti si gridava, deridendoti e schernendoti: “Discendi dalla croce e crederemo che sei Tu”. Tu non scendesti, perché una volta di più non volesti asservire l’uomo col miracolo, e avevi sete di fede libera, non fondata sul prodigio. Avevi sete di un amore libero, e non dei servili entusiasmi dello schiavo davanti alla potenza che l’ha per sempre riempito di terrore. Ma anche qui Tu giudicavi troppo altamente degli uomini, giacché, per quanto creati ribelli, essi sono certo degli schiavi. Vedi e giudica, son passati quindici secoli, guardali: chi hai Tu innalzato fino a Te? Ti giuro, l’uomo è stato creato più debole e più vile che Tu non credessi! Può egli forse compiere quel che puoi compiere Tu? Stimandolo tanto, Tu agisti come se avessi cessato di averne pietà, perché troppo pretendesti da lui, e chi ha fatto questo? Colui che lo amava più di se stesso! Stimandolo meno, avresti anche meno preteso da lui, e questo sarebbe stato più vicino all’amore, perché più leggera sarebbe stata la sua soma. Egli è debole e vile.”

Tratto da:”Il grande inquisitore”, F.M.Dostoevskij, con Il peso della libertà  di Gerardo Colombo. Trad. Serena Vitale. Salani editore

 

Zoe Vita

Il 22 ottobre siamo entrati nel segno dello Scorpione. Segno d’acqua e fisso. La lenta morte del mondo organico diventa percettibile. La natura ha fatto la propria scelta. Le forme vitali mutano, tendono a tornare nel profondo della terra. Così ciò che era stato estenuato dal caldo arido del clima estivo, va nutrendosi in questa umida essenza autunnale. In questo segno opposto al terrestre Toro, vanno compiendosi le fasi dell’opera di trasmutazione alchemica, che si compie nel passaggio dai valori materiali a quelli spirituali. La distruzione dell’io lascia il passo a nuovi orizzonti, le forze sconosciute che dormono nel profondo dell’essere vengo rischiarate alla luce della coscienza che si fa spirituale consapevolezza.

Novembre è iniziato con il giorno dedicato alla morte. Negli ultimi anni di risveglio della mia consapevolezza, ho cominciato a percepire questo tempo come un momento di luce, di contatto con chi è passato alla vita luminosa dell’aldilà. Quest’anno la mia amata Zoe, una cagnolina pinscher che stava con me da quindici anni, mi ha fatto conoscere da vicino la morte, il passaggio. Per lei è stata una liberazione perché il suo istinto vitale l’aveva lasciata da un pò di giorni, per me una grande ennesima riflessione sul corpo, sulla malattia, sulla concretizzazione dei nostri stati d’animo in materia. Per anni io e Zoe ci siamo capite silenziosamente, lei mi ha insegnato con i suoi modi, i suoi passi dapprima veloci e via via negli anni sempre più lenti, la vita che muta e si evolve. Quando aveva sette anni ha subito l’incursione di ladri nella nostra casa. Il suo corpo prontamente ha trasformato in un tumore alla mammella il suo spavento. Ma la medicina ha detto che non c’è connessione tra i due eventi. Quando mia sorella si è ammalata, Zoe le è sempre stata vicina, appoggiata quando poteva alla sua gamba, e mi guardava chiedendomi di fare qualcosa.  Quando non ha più visto le mie sorelle, che sono mancate sei anni fa, so che si chiedeva perché, ed era preoccupata quando non vedeva più qualche mia amica per mesi. Zoe ha sempre capito, compreso, non ha sopportato l’arrivo inaspettato di Dodo, un bassotto che è arrivato nella nostra famiglia. Adesso so che è felice perché ha compreso perchè Dodo doveva venire. Ora ha concluso il suo ciclo vitale, il nostro amore tornerà lo so un giorno ancora più forte nella carne, continua sempre nello spirito.

Due volte mille anni… ci siamo

“Credi che quella donna ti abbia ascoltato, Rabbuni?”  … “Mi ha ascoltato, di questo puoi star certa, ma non per oggi. Per domani, per fra due volte mille anni. Non è poi così tanto lontano… solo un pò di nascite e un pò di morti da attraversare”.     “E dopo?”   “Dopo … Dovrete inventare una lingua nuova”

Tratto da:” Il libro segreto di Gesù”, D. Meurois, vol 2 ed. Amrita 2017

Dove ci si sente a casa

“Dove ci si sente a “casa”? Non in un luogo, in verità, ma nel nostro spazio interiore, quello spazio illimitato del cuore e della mente: era una percezione che avevo da sempre, fin da bambino, a poco a poco l’avevo esplorata, era diventata l’asse portante della mia realtà interiore. ”

Tratto da:” Il libro segreto di Gesù”, D. Meurois,  vol. 1 ed. Amrita 2016

Fast Car

Il cerchio che ho tracciato

“Ecco… – dissi a coloro che erano con me. – In questo giorno trovo il caos nelle vostre menti … I vostri pensieri si disorganizzano, e addirittura dirigete la vostra collera contro l’Eterno. Credete forse che egli la riceva? Egli vi sorride…
Nulla mai si agita sulla superficie o nel profondo del Suo oceano: non un’onda , non un’increspatura, e tuttavia vi dico che la Sua presenza è ascolto e compassione soltanto.

Osservate il cerchio che ho tracciato: è ben più di un simbolo. Lo credete fisso, ma in verità esso indica il percorso di un punto che è al di fuori del tempo, è alla ricerca della propria origine e del perché di tutti i perché. E’ contemporaneamente il caos e il movimento organizzato… E’ nel caos da cui tutto sorge, è Ciò che precede la luce primordiale, è il Nulla che equivale al tutto e, per finire, è Ciò che vivete in questo preciso istante, e vi richiede una fiducia totale nella Provvidenza.

Tratto da:” Il libro segreto di Gesù”, D. Meurois, vol 2 ed. Amrita 2017

Amarsi

Oggi sotto la Mole

Ritratto di Ada di Akira Zakamoto