Bilancia

La Bilancia è il settimo segno dello zodiaco. Il sole passa in questo periodo dall’emisfero sud all’emisfero nord attraverso l’equatore. La notte e il giorno sono in perfetto equilibrio, anche se lentamente la notte tende ad avere il sopravvento sulle ore di luce. Prevale la forza notturna e spirituale su quella solare. Il 22 settembre cade l’equinozio di Autunno, (dal latino aequus, uguale, e nox, notte). Inizia in questo momento la fase involutiva che si manifesta nel decadere della vegetazione. Questo è quindi il punto mediano tra l’evoluzione iniziata in Ariete e tutta la metamorfosi involutiva che andrà manifestandosi durante l’inverno. L’elemento Aria domina e feconda il desiderio di comunicazione, lo scambio di idee. La separazione viene a cadere. L’equilibrio viene dal controllo di forze opposte, tendenze estreme che vengono a conciliarsi applicando il sentimento della giustizia. L’uomo determina la legge di se stesso, controlla e dirige i propri impulsi servendosi dell’intelletto in modo da riuscire a integrare le due dimensioni dell’umano: quella materiale e quella spirituale. L’Equinozio d’Autunno è l’emblema della luce/consapevolezza che entra nell’oscurità della materia, nel corpo e nella mente subconscia/inconscia. Si tratta di uno stadio di preparazione alla rivelazione della coscienza dell’anima al Solstizio d’Inverno con la nascita del Cristo/Sole/Anima il 25 Dicembre.Venere e Saturno dominano nel segno della Bilancia, l’amore e la giustizia si fondono per creare ordine. Il 29 settembre si celebra la festa di San Michele. Rappresentato con la spada nella mano destra e una bilancia nella mano sinistra, nell’atto della Psicostasia (pesatura delle anime). Un novello Anubi, come nel culto egizio che pratica la pesatura del cuore contrapposto sul piatto della bilancia alla piuma di Maat.

La Bilancia è il settimo segno dello zodiaco. Il sole passa in questo periodo dall’emisfero sud all’emisfero nord attraverso l’equatore. La notte e il giorno sono in perfetto equilibrio, anche se lentamente la notte tende ad avere il sopravvento sulle ore di luce. Prevale la forza notturna e spirituale su quella solare. Il 22 settembre cade l’equinozio di Autunno, (dal latino aequus, uguale, e nox, notte). Inizia in questo momento la fase involutiva che si manifesta nel decadere della vegetazione. Questo è quindi il punto mediano tra l’evoluzione iniziata in Ariete e tutta la metamorfosi involutiva che andrà manifestandosi durante l’inverno. L’elemento Aria domina e feconda il desiderio di comunicazione, lo scambio di idee. La separazione viene a cadere. L’equilibrio viene dal controllo di forze opposte, tendenze estreme che vengono a conciliarsi applicando il sentimento della giustizia. L’uomo determina la legge di se stesso, controlla e dirige i propri impulsi servendosi dell’intelletto in modo da riuscire a integrare le due dimensioni dell’umano: quella materiale e quella spirituale. L’Equinozio d’Autunno è l’emblema della luce/consapevolezza che entra nell’oscurità della materia, nel corpo e nella mente subconscia/inconscia. Si tratta di uno stadio di preparazione alla rivelazione della coscienza dell’anima al Solstizio d’Inverno con la nascita del Cristo/Sole/Anima il 25 Dicembre. Venere e Saturno dominano nel segno della Bilancia, l’amore e la giustizia si fondono per creare ordine. Il 29 settembre si celebra la festa di San Michele. Rappresentato con la spada nella mano destra e una bilancia nella mano sinistra, nell’atto della Psicostasia (pesatura delle anime). Un novello Anubi, come nel culto egizio che pratica la pesatura del cuore contrapposto sul piatto della bilancia alla piuma di Maat.