Dello stesso autore

La Cina ce la sta facendo

Le norme di oggi

Per l’era di Michele


Dobbiamo sradicare dall’anima
tutta la paura e il timore
di ciò che il futuro può portare all’uomo.

Dobbiamo acquisire serenità
in tutti i sentimenti e le sensazioni
rispetto al futuro.

Dobbiamo guardare in avanti con assoluta equanimità verso tutto ciò che può venire,
e dobbiamo pensare che tutto quello che verrà
ci sarà dato da una direzione del mondo
piena di sapienza.

E’ questo che dobbiamo imparare in questa era:
a saper vivere in assoluta fiducia,
senza alcuna sicurezza nell’esistenza;
a saper vivere nella fiducia
nell’aiuto sempre presente del mondo spirituale.

In verità nulla avrà valore altrimenti.
Discipliniamo la nostra volontà
e cerchiamo il risveglio interiore
tutte le mattine e le sere.

O Michele,
io mi raccomando alla tua guida
con tutta la forza del cuore,
così che questo giorno possa diventare
l’immagine della tua volontà di porre ordine nel destino.

(Parole di Rudolf Steiner, da appunti di un diretto discepolo: F.W. Zeylmans van Emichoven)

Leggerezza

Sotto il segno dei Pesci

Dal 20 febbraio entriamo nel dodicesimo e ultimo segno della ruota zodiacale: i Pesci. E’ la fine dell’anno cosmico. Cadono le ultime nevi e l’aria si fa meno fredda. Le piogge lavano la terra portando via tutto quello che la fase invernale aveva accumulato. La Natura esaurisce così l’ultima fase dell’inverno. L’energia che si alterna è quella del dissolvimento e quella della rinascita. Nel simbolo del segno due pesci puntano uno alla profondità delle acque e uno al cielo, verso la luce, collegati tra loro da una corda rossa. Questo movimento è eterno e instancabilmente perpetuato nella fede della sua ragion d’essere. Le paure terrorizzanti delle profondità che dobbiamo attraversare vengono naturalmente scalzate in un’alternanza naturale, così come la luce prende il posto del buio, dell’ombra che temiamo. La fede nell’invisibile, nella legge profonda che governa gli eventi della vita, ci regala la speranza nella rinascita, dopo un’inverno scuro e apparentemente senza vita. Il segno dei Pesci ha caratterizzato l’energia di questi ultimi duemila anni e il Cristo che porta la luce nell’estremo sacrificio di sé ne è l’emblema totale. Paradossalmente questa ricerca ha portato a un’immersione totale nelle forze terrene fino ad arrivare al realizzarsi di un materialismo assoluto. Tutto si è compiuto perché si abbia la coscienza che nulla di ciò che è avvenuto in questi ultimi duemila anni dovrà più accadere. La nuova era avrà il timbro dell’energia dell’Acquario, l’uomo dopo essersi conosciuto, tenderà finalmente ad essere, a compiersi.

La dedizione amorevole e spirituale

“Esistono quattro sfere d’azione umana, nelle quali l’individuo si abbandona pienamente allo spirito reprimendo ogni espressione delle vita personale: la conoscenza, l’arte, la religione e la dedizione amorevole e spirituale rivolta ad una personalità. Chi non vive almeno in una di queste quattro sfere non vive del tutto. La conoscenza consiste nella dedizione all’universo dei pensieri, l’arte nella contemplazione, la religione si rivolge all’anima e al sentimento, l’amore nella concentrazione di tutte le forze spirituali su un essere che ci appare come una preziosa entità dell’intero universo. La conoscenza è la forma più spirituale, mentre l’amore costituisce la forma più sublime della dedizione altruista, poiché l’amore è un’autentica luce del cielo nella vita quotidiana. La devozione, l’autentico amore spirituale, nobilita il nostro essere fin nelle sue fibre più profonde, elevando tutto ciò che vive in noi. Questo amore puramente devoto trasforma la vita anemica in un’altra vita imparentata con gli spiriti dell’universo. Vivere in questa sublime accezione significa creare in sé il soffio della vita di Dio, laddove solitamente non albergano altro che l’egoismo più detestabile e la passione più irrilevante. Bisogna avere qualche nozione sulla santità dell’amore; solo allora si potrà parlare di devozione.”

tratto da: Credo – Il singolo e il Tutto. 1888 circa. Contenuto in “Rudolf Steiner Massime Antroposofiche”. Ed. Antroposofica, 1983

Il corpo intelligente

” Migliaia di miliardi di molecole DNA del corpo sono tutte costantemente in comunicazione tra loro. Ed è così che dev’essere se considerate ciò che fa il DNA . Come fa il vostro corpo a sapere di quale cellula ha bisogno e dove? E’ l’Innato che è responsabile di tutto questo dalla vostra nascita. Si potrebbe dire che il DNA è veramente una centrale di controllo esoterica. E’ il campo che circonda le migliaia di miliardi di parti di DNA che si auto riconosce come un’unica entità. Tramite questo campo tutto l’insieme del DNA opera come un unico sistema e quest’unico sistema si chiama Innato. Quindi si potrebbe dire che l’Innato è la combinazione delle cellule del DNA del vostro corpo viste come una sola cosa, quello che chiamate corpo intelligente, l’Innato. E’ decentralizzato; non c’è un organo o una ghiandola del corpo che sia responsabile dell’Innato. Ogni singola parte del corpo è in relazione con questo sistema intelligente. … La prima cosa che vogliamo dirvi sull’Innato è che è un sistema di tutto il corpo che “sa” più di quanto possa mai sapere il vostro sistema nervoso o celebrale. E’ nell’unghia dell’alluce e nei capelli. L’Innato è ovunque ci sia il DNA, in ogni forma in cui il DNA esiste. E’ unico ed è voi. “

Tratto da:” Kryon. Anima Umana”, Ed. Stazione celeste. settembre 2019
edizione originale “THE HUMAN SOUL REVEALED” 2015 ARIANE EDITION 2015

Tocco

visto da:Raw & Co, Corso Magenta, 10, 20123 Milano Telefono: 02 4802 4785

Molecole di DNA

“Una caratteristica del Sé Superiore, che può renderlo difficile da capire, è che si trova immediatamente dappertutto. Non si trova in nessun luogo specifico. Molte persone considerano il Sé Superiore come qualcosa che sta più in alto (sopra di noi), ma il termine si riferisce al fatto che voi “vibrate” a un livello più alto. Questa vostra parte Dio vibra più intensamente di qualsiasi altra parte del corpo e si trova dentro il DNA. Kryon spiega dove esiste il Sé Superiore.:

Il Sé Superiore è in ogni molecola del vostro DNA. Fa parte dell’Innato. Non si trova nel vostro cuore o nel vostro cervello. Invece, é fuori di voi e dentro di voi. Permea un campo quantico del corpo, creato dalla vostra sacralità. Si chiama Sé Superiore perché la sua vibrazione è più alta della vostra struttura corporea. Pertanto, è una parte di voi che si trova in uno stato vibratorio più elevato e crea una realtà multidimensionale. Se solo riusciste ad aprire la porta tra il voi corporeo e il voi quantico, detto Sé Superiore, sareste completi. … Tutte le cose divine sono connesse alla fonte e la Fonte Creatrice dell’Universo fa parte di voi. … “

Tratto da:” Kryon. Anima Umana”, Ed. Stazione celeste. settembre 2019
edizione originale “THE HUMAN SOUL REVEALED” 2015 ARIANE EDITION 2015

Il cane guardiano

vista dal monte Comer Lago di Garda sponda Bresciana

Sowelu

“Sowelu è ultima runa dell’Aett di Heimdall, è l’espressione matura e completa di Wunjo, il Bambino Divino che superate tante prove, si è ulteriormente purificato. L’estrazione di Sowelu indica comunque l’energia del sole e della luce, è rivelazione, lampo di genio, realizzazione, è sempre uno squarcio nel buio, a volte terribile, terrificante, ma pur sempre realizzazione di energia. Come dalle nubi cariche di elettricità a un certo punto arriva la scarica, così Sowelu è la liberazione dagli affanni dopo un lungo periodo di difficoltà, di fatica, di sforzi. Finalmente la luce, dopo tanto lavoro, la rivelazione, la realizzazione, l’illuminazione, il velo si squarcia, l’energia divina ci inonda e ci fondiamo in essa e in tutto il creato. “

tratto da:” Runemal. Il grande libro delle Rune”, U.Carmignani e G. Bellini ed. L’Età dell’Acquario

Il grande sole di mezzo inverno

vista dal monte Comer Lago di Garda sponda Bresciana

Le sephiroth

“Le sephiroth sono le emanazioni dell’energia divina creatrice e vengono schematizzate nel noto Albero della vita… intendono descrivere il processo secondo il quale un ente infinito emana aspetti di sé in un mondo finito. L’albero delle Sephirot rappresenta la sequenza attraverso la quale Dio si “contrasse” per poter emanare la sua energia nel mondo finito e “mostrare la sua gloria alle genti”. La contrazione di Dio è al centro della speculazione cabalistico esoterica, così come l’indagine della Via per la ri-espansione della Coscienza, ovvero per l’identificazione evolutiva del creato con il creatore. “

Tratto da: “Anima e Realtà” Carlo Dorofatti” 2011 ed. NEXUS

Studio dell’albero sefirotico

Le luci del Natale

Merry Christmas NovArmonia

Il verde a nord

Solstizio d’inverno 22 dicembre alle ore 4:19

“Il solstizio d’inverno è da sempre avvolto da una moltitudine di significati simbolici diversi, prevalentemente legati alla condizione del sole che in questo giorno raggiunge la sua “oscurità” massima, per poi letteralmente aumentare la quantità di luce e calore diffusa sulla terra. È proprio il significato di rinascita ad aver popolato le principali leggende dei popoli antichi, che vedevano nel solstizio di dicembre la fine delle tenebre e l’arrivo della luce e che hanno spesso associato la data del 25 dicembre alla nascita di un dio o di una figura mitologica importante: secondo gli egizi, ad esempio, in questo giorno nasceva il dio Horus, mentre per i babilonesi era la festa del dio del sole Shamash. Questa civiltà era anche solita associare a questa data la leggenda di Tammuz, la divinità mesopotamica della vegetazione. Secondi gli antichi greci, invece, il solstizio invernale coincideva con i festeggiamenti in onore di Dioniso, mentre nell’antica Roma all’adorazione di Mitra si associava la festa “Dies Natalis Solis Invicti” – letteralmente il giorno del Natale sole invincibile – che segnava l’inizio di una nuova stagione: da questa tradizione ha avuto poi origine la festa di Capodanno, che cade poco dopo il solstizio invernale. Spostandoci nel Messico precolombiano, invece, nel solstizio d’inverno nascevano il dio Quetzalcoath e l’azteco Huitzilopochtli. Gli antichi popoli del Nord, infine, celebravano il dio Freyr, figlio di Odino e di Freya. “

tratto da https://www.greenstyle.it/solstizio-d-inverno-data-significato-esoterico-239490.html