Facce di bambini. Alessia

La mia amica Alessia è bravissima a disegnare.  I suoi ritratti di mi riempiono il cuore di buon umore. La ringrazierò sempre per i bei doni che mi fa.  Questo disegno l’ho rubato ieri  dal suo quaderno di terza elementare

2 commenti »

  1. jennifer scrive:

    wao che bellissimo disegno chi l’ha fatto

RSS feed dei commenti a questo articolo. / TrackBack URI

Lascia una risposta

Per la Francia

Bambina fa la calza

bambina

These Dreams

Castore e Polluce

Gemelli

“Quello dei Gemelli è uno dei più importanti segni dello zodiaco, in quanto rappresenta adeguatamente la natura fondamentale dell’uomo; quest’ultimo è una diade, perchè possiede un sè inferiore e un Sè Superiore; è bilateralmente simmetrico perchè ha due braccia, due gambe, due occhi, due orecchi… La dualità è un fattore intriseco anche nella vita e nella coscienza dell’individuo: il giorno e la notte, la luce e il buio, la sinistra e la destra, il bene e il male…l’elenco è infinito.

Tratto  da “ASTROLOGIA ESOTERICA” Douglas Baker, ed. Crisalide

YOUTH – La Giovinezza

Il racconto dei racconti

Torre Unicredit César Pelli Milano

César Pelli Torre Unicredit

La Torre Unicredit, con i suoi 32 piani e 231 metri di altezza, è il grattacielo più alto di Milano, d’Italia e il ventesimo d’Europa. È collocato nel progetto Porta Nuova, a ridosso di corso Como e della stazione Garibaldi, all’interno del Centro Direzionale di Milano. Cuore del complesso è la piazza Gae Aulenti, un podio rialzato di forma circolare citazione delle piazze italiane. Attorno al podio, oltre alla torre in oggetto, sono collocate altre due costruzioni, una di 22 piani (torre B) l’altra di 12 (Torre C). Il complesso è stato progettato dall’architetto César Pelli e realizzato dalla società immobiliare Hines Italia. È sede della direzione generale di UniCredit.

Impara a posare il tuo sguardo su te stesso

“Il problema del disagio di vivere viene dal fatto che, un giorno, abbiamo creduto di non potere vivere senza essere amati, oppure amati nel modo in cui volevamo essere amati. In realtà bisogna capire che  mai nessuno ci ha abbandonato: è vero che queste persone non sono state in grado di accoglierci come avremmo voluto, o di darci l’attenzione che avremmo sperato di avere, ma poi ci siamo abbandonati da soli, rinunciando al desiderio di vivere. Ci siamo lasciati ricadere su noi stessi, pensando:” A che pro vivere in questo mondo senza amore?”… Affida il tuo dolore  e i tuoi dolorosi segreti a una persona capace di accoglierti con amore e tenerezza, senza peraltro compatirti per la tua sorte, a qualcuno che sappia accompagnarti in questo processo e ti incoraggi a mettere in atto qualcosa di concreto nella tua vita. Impara a posare il tuo sguardo su te stesso invece di dipendere dallo sguardo altrui. Sii bello o bella per te stesso/a. Impara a essere fiero di ciò che hai compiuto fino a qui. Reimpara ad assaporare ogni istante della vita, ad essere felice senza che questo dipenda da altri. Questo non esclude di condividere la felicità con una o più persone. ”

tratto da:”Impara a posare il tuo sguardo su te stesso “, Ed. AMRITA. 1995

Wingardium Leviosa

Il corpo eterico

“L’uomo possiede un “corpo eterico” così come lo hanno le piante. Esso è alla base dei fenomeni della crescita e della riproduzione, stimola e dirige il ricambio, vince il peso della sostanza solida del corpo fisico, lo modella, come lo scultore fa con la creta creando una forma, secondo una struttura archetipica personale, e lo introduce in un ordine superiore : quello delle forze vitali. Le forze plasmatrici  eteriche operano nell’elemento liquido.  Non esiste infatti vita senza acqua. All’interno dei processi vitali le piante, gli animali e l’uomo mostrano delle differenze. Le piante infatti possono formare sostanze organiche, mentre l’animale e l’uomo necessitano dell’apporto dall’esterno di sostanze organiche.”

tratto da: “Medicina antroposofica familiare”, Sergio Mario Francardo, EDILIBRI. Milano 2004

Ranuncolo

ranuncolo

Contemplazione

Contemplare attraverso la fotografia questi fiori mi lascia senza parole. Riguardarli artificialmente sullo schermo di un computer come attraverso una lente di ingrandimento mi toglie il fiato. Vene, linfa…colori purissimi di una cartella inqualificabile, non riproducibili nella loro unicità espressiva. Il divino artigiano/a, il Demiurgo dentro la pelle stessa delle creature del mondo che conosciamo. Domani tutta questa bellezza sara’ sfiorita, occorrera’ attendedere un nuovo anno, lo schiudersi di una nuova primavera per poterla  ancora contemplare.

Iris

Iris

L’albero di Maddalena

L'albero di Maddalena

Ben Howard Depth Over Distance

La profondità di una relazione va
sempre oltre la distanza, mia cara
e questo nostro albero potrà crescere alto nella foresta
ma sono le radici che ci legheranno qui al terreno
la profondità oltre la distanza
era tutto quello che avevo chiesto di te
e potrò essere uno stupido ad innamorarmi così
ancora c’è la forza, nella cecità tu hai paura
se anche tu stai arrivando, se anche tu stai arrivando
tieni duro, aspetta finchè quel sole solitario
si rompa dalle braccia del Signore
tieni duro, magari siamo troppo giovani
per conoscere quest’avventura in cui ci siamo imbattuti

traduzione di Depth Over Distance di Ben Howard

Delicato papavero

papavero

Dignus

“Ognuno è “dignus“, ovvero è meritevole di considerazione. Un valore ontologico che non dipende da una conoscenza altrui, è la parte stessa della nobiltà di qualsiasi essere vivente.  Assioma e postulato assieme. Ecco perché nessuno può farti sentire come non vuoi sentirti, nessuno può sminuire quello che sei, può decidere quello che è giusto o sbagliato per te se sei adulto e in grado di intendere e di volere.  Tu vali a priori. Se lasci che un altro essere umano ti sfrutti, ti tratti male, ti manchi di rispetto è sempre una tua responsabilità. Sollevare la testa di fronte alle ingiustizie arrecate  a te o ad altri esseri viventi ha l’esito di comunicare al mondo che tu sei consapevole di questo principio intimo e imprescindibile. Per quanto una persona sbagli, per quanto a volte smarrisca la retta via, ha sempre la possibilità di riscoprire ciò che risplende all’interno di sè.”

tratto da: V Pocket aprile 2015, testo di Stefania Amodeo.

Years & Years – King