Dello stesso autore

Novarmonia nasce da una riflessione quotidiana sulla vita, una sorta di diario intimo delle mie letture e delle mie riflessioni.  Brani scelti, film, musiche si susseguono dando vita a un discorso profondo sul senso delle cose. Si contrappone agli altri miei diari, quello rosa e quello dedicato alla moda e alla casa. Personali sguardi sul mondo.

Per leggere piacevolmente l’articolo cliccate con il mouse sul titolo prescelto, la pagina si aprirà completamente.

Gesù degli Gnostici

Pala di Castelfranco olio su tela (200×152 cm) Giorgione, 1502 circa

Lacci… un film che riflette sulla coppia, sulla famiglia, sui legami e le lacerazioni.

La corona radiante rotante

Ghiandola pineale

Carlo Benvenuto L’originale

in mostra al Mart Rovereto
27 GIUGNO 2020 / 18 OTTOBRE 2020

Capaci di essere

“Trattate le persone come se fossero ciò che dovrebbero essere, e aiutatele a diventare ciò che sono capaci di essere” W.Goethe

Dopo la morte

“Mentre l’uomo invecchia, un vuoto sempre più grande si forma fra quelle che erano le intenzioni della sua vita e quanto effettivamente realizzato. Dopo la morte secondo Steiner, l’uomo è in grado di ripercorrere le esperienze della sua vita passata, vagliare l’essenziale e il superficiale per rendersi conto di quali errori ha commesso. Alcuni dei suoi desideri scompariranno, altri si muteranno in risoluzioni decise. Via via che si avvicina il tempo in cui gradualmente si dissocia da un’esistenza puramente spirituale e si volge a guardare verso la sua prossima vita terrena, egli comincia riflettere su come costruire il veicolo giusto per rendere concrete le sue decisioni. Si deve trovare un corpo che gli dia la capacità di comprensione e una personalità da far crescere, per consentirgli di vivere secondo i suoi bisogni e le sue aspettative. Naturalmente è ovvio che non è mai possibile realizzare tutte le proprie intenzioni, poiché ciascuno di noi è collegato con tanti altri essere umani, anch’essi con bisogni e aspettative. Quando un uomo entra in un’esistenza corporea, i suoi poteri si indeboliscono,  e esseri più grandi, lavorando attraverso il suo inconscio  (La volontà, nella terminologia di Steiner) e quello delle persone che gli sono vicine, entrano in attività affinché avvenga ciò che egli stesso aveva previsto di realizzare al tempo della sua esistenza spirituale. Innumerevoli incidenti accadono al di là del nostro controllo, eppure essi appartengono a uno schema e alla fine hanno un significato. La personalità di un essere umano e ciò che gli viene incontro da ‘fuori’ non sono che due facce della stessa medaglia. Questo è ciò che Steiner intende quando parla di karma: il destino che ho pianificato per me e che può essere realizzato in parte da me stesso nel mio stadio pre-natale e in parte da più elevate potenze spirituali. Questo karma – per essere precisi, questo vecchio karma, come lo chiama Steiner -è in definitiva ’me’ almeno tanto quanto (in effetti di più) lo siano la forma del mio viso e il tono della mia voce. Così imparo a identificarmi con me stesso. Ciò che il pensiero occidentale accetta come fato, …, come ferrea legge del Karma a cui l’uomo deve inchinarsi, dal maestro occidentale e cristiano viene vissuto come ‘me stesso’ sul sentiero dell’auto-realizzazione, un processo impregnato di grazia. Non mi è permesso di dare aiuto e conforto quando in una precedente esistenza sono stato io a colpire e a danneggiare? Non posso io forse sentire che una situazione -divenuta disperatamente ingiusta- e incorreggibile per quanti sforzi si facciano -sia rimediabile in condizioni cambiate, quando  ciascuno coinvolto in essa avrà potuto riesaminare l’intricato groviglio di rapporti che aveva portato a un’insostenibile situazione, riuscendo invece a risolverla con l’aiuto di intuizione, comprensione e compassione sovrumane? Così il vecchio karma è qualcosa di tessuto da me e da quelli intorno a me ed è guida e sostegno in questa vita terrena, indicandomi i compiti che mi sono prescritto per il mio futuro.”

Tratto da “Rudolf Steiner”, Rudi Lissau, editrice Novalis 1987, ristampa giornata 2005

Mystery of Love

Mystery of love. Sufian Stevens

Oh, to see without my eyes – Oh, vedere senza i miei occhi
The first time that you kissed me – La prima volta che mi hai baciato
Boundless by the time I cried – Senza limiti per il momento in cui ho pianto
I built your walls around me – Ho costruito i tuoi muri intorno a me
White noise, what an awful sound – Rumore bianco, che suono orribile
Fumbling by Rogue River – Annaspando nel Rouge River
Feel my feet above the ground – Sento i miei piedi sulla terra
Hand of God, deliver me – Mano di Dio, consegnami

 

Oh, oh woe-oh-woah is me – oh, oh woe-oh-woah sono io
The first time that you touched me – La prima volta che mi hai toccato
Oh, will wonders ever cease? – Oh, cesseranno mai le meraviglie?
Blessed be the mystery of love – Sia benedetto il mistero dell’amore

Lord, I no longer believe – Signore, non credo più
Drowned in living waters – Annegato nelle acque vive
Cursed by the love that I received – Maledetto dall’amore che ho ricevuto
From my brother’s daughter – Dalla figlia di mio fratello
Like Hephaestion, who died – Come Efestione, che è morto
Alexander’s lover – L’amante di Alessandro
Now my riverbed has dried – Ora il letto del mio ruscello è asciutto
Shall I find no other? – Non troverò altro?

Oh, oh woe-oh-woah is me – Oh, oh woe-oh-woah sono io
I’m running like a plover – Sto correndo come un piviere
Now I’m prone to misery – Ora sono incline alla miseria
The birthmark on your shoulder reminds me – La voglia sulla tua spalla mi ricorda

How much sorrow can I take? – Quanta tristezza posso sopportare?
Blackbird on my shoulder – Corvo sulla mia spalla
And what difference does it make – E che differenza fa
When this love is over? – Quando questo amore è finito?
Shall I sleep within your bed – Devo dormire nel tuo letto
River of unhappiness – Fiume di infelicità
Hold your hands upon my head – Tengo le tue mani sopra la mia testa
Till I breathe my last breath – Fino a quando non esalo il mio ultimo respiro

Oh, oh woe-oh-woah is me – oh, oh woe-oh-woah sono io
The first time that you touched me – La prima volta che mi hai toccato
Oh, will wonders ever cease? – Oh, cesseranno mai le meraviglie?
Blessed be the mystery of love – Sia benedetto il mistero dell’amore

A Berlino…Va Bene

ἰχθύς

In mostra in questi giorni, fino al 17 agosto 2020 nel chiostro della chiesa di San Tommaso a Gargnano, Brescia le creazioni di MariaPaola Fasser. per info di acquisto sue opere mariapaolafasser@gmail.com

 

 

Passiflora

Il nome del genere, adottato da Linneo nel 1753 e che significa “fiore della passione” (dal latino passio = passione e flos = fiore), gli fu attribuito dai missionari Gesuiti nel 1610, per la somiglianza di alcune parti della pianta con i simboli religiosi della passione di Gesù: i viticci alla frusta con cui venne flagellato, i tre stili ai chiodi, gli stami al martello, la raggiera corollina alla corona di spine.Le foglie e le parti aeree della passiflora contengono alcaloidi, flavonoidi, fitosteroli, acidi fenoli, cumarine, eterosidi, cianogenici, tracce di olio essenziale. I flavonoidi in essa contenuti svolgono un’azione sul sistema nervoso centrale, soprattutto a livello della zona del midollo spinale, adibito al controllo dei movimenti e dei centri del sonno.

Recentemente è stato dimostrato che questi principi attivi sono in grado di legarsi ai recettori delle benzodiazepine situati nel cervello, spiegando così l’azione calmante di questa pianta, che e la rende uno dei fitoterapici più utilizzati nei disturbi della sfera nervosa.

Le proprietà della pianta sono, essenzialmente sedative, e ansiolitiche, e fanno della pianta un rimedio estremamente efficace nel combattere l’insonnia, perché stimolano un sonno fisiologico senza risvegli notturni, senza produrre senso di intorpidimento mattutino, ed effetti narcotici o assuefazione; in caso di stress, ansia e senso di angoscia; nelle forme di nevrosi isterica, fobica, ossessiva e post traumatica; nei disturbi della menopausa, come nervosismo, irritabilità, depressione, tachicardia, dispnea, vampate di calore, ed è preventiva per gli attacchi di cuore.

Gli alcaloidi armanici inoltre hanno un’azione antispasmodica, in quanto rilassano il tessuto muscolare liscio dell’utero, dell’apparato gastrointestinale e bronchiale,. L’assunzione della passiflora e quindi indacata in caso di dolori mestruali, in caso di crampi causati dalla sindrome dell’intestino irritabile di origine nervosa, tosse, e in tutte le forme dolorifiche caratterizzate da spasmi.

Anche con la weeda la paranoia resta

Era una piccola pianta di rosmarino salvata dalla calura dell’estate in città a Milano venti anni fa…

Swishland

Quando il regalo sei tu

Un giorno ti svegli all’alba dei tuoi sessanta anni e ti sembra impossibile di avere accumulato così tanti mobili, buttato e ricomprato così tanti abiti, aver vissuto così tante esperienze… ti guardi indietro a tutti i compleanni passati, alle candeline che hai spento e con chi. Ti ricordi di alcuni in particolare, ti arriva il pensiero della piega che aveva la tua anima allora, della tua innocenza, e della malinconia per quello che sapevi esistesse ma stavi ancora cercando di te. Questo è il più bel regalo oggi, pensare a quei cinquantanove compleanni e sapere che la pazienza di averli vissuti tutti nella buona e cattiva sorte hanno fatto di te quello che sei oggi, accettarlo e viverlo fino in fondo per quello che sono diventata, anche quando è duro viverti dentro come fossi un cardellino, ma la vita ti chiede di tirare fuori un leone. La belva ha mangiato il cardellino, ma lui continua a vivere, è vivo e vegeto.  

Hilma af Klint, Pala d’altare, N. 1, Gruppo X, Pale d’altare, 1907 – particolare